logo pinguina orizzontale

Pastiera di riso: la ricetta alternativa

La pastiera di riso è un’alternativa alla tradizionale pastiera napoletana, famosa per la sua ricca storia e il suo sapore irresistibile. Ho scoperto questa variante grazie alla mamma di una cara amica che la prepara ogni anno per portarla in tavola il giorno di Pasqua.
Quest’anno, incuriosita dal suo racconto, ho deciso di mettermi alla prova e preparare la mia versione di questo dolce, sostituendo il grano con il riso. Utilizzando anche farine alternative per la frolla, come riso e mais o le miscele specifiche, il dolce diventa completamente gluten free.

Adattare una ricetta tradizionale che di solito si prepara “a occhio” è stata una sfida, ma sono riuscita a creare una mia versione personalizzata. Gli ingredienti principali, come la ricotta, le uova, i canditi e l’acqua di fiori d’arancio, rimangono gli stessi della pastiera classica, mentre il riso aggiunge un tocco unico e una consistenza avvolgente alla preparazione. Ho scelto di utilizzare riso originario per la sua consistenza particolarmente adatta a impasti e creme. Questo infatti ha un chicco che rimane più colloso rispetto ad altre tipologie ed è adatto a realizzare degli impasti.

Per rendere la mia pastiera ancora più speciale, ho optato per una decorazione con dei fiorellini di frolla, disposti sopra la griglia tradizionale formata dalle strisce di pasta incrociate. Per colorare la frolla, ho aggiunto polvere di Acai, che dona un delicato tono viola, ma è possibile sostituirla con un colorante in gel o anche ometterla completamente.

pastiera-di-riso

E’ tradizione preparare la pastiera qualche giorno prima di Pasqua, per permettere agli ingredienti di amalgamarsi e sviluppare tutti i loro profumi e sapori distintivi. Consiglio quindi di prepararla almeno 24 ore prima di servirla, garantendo così un risultato perfetto e pieno di gusto.

Vediamo ora la ricetta. Ti ricordo che puoi salvare o stampare direttamente la scheda per averla sempre a disposizione e guardare un breve video su Ig qui!

pastiera-gluten-free

Pastiera di riso

Maria – Pinguina in Cucina
Preparazione 40 minuti
Cottura 30 minuti
Tempo totale 1 ora 10 minuti
Portata Dessert
Cucina Italiana
Porzioni 6 persone

Equipment

  • 1 stampo per crostata da 20-22 cm con fondo apribile o microforato

Ingredienti
  

Per la pasta frolla gluten free

  • 150 g farina di riso
  • 100 g farina di mais
  • 125 g burro
  • 100 g zucchero a velo
  • 2 uova
  • 1/2 cucchiaino di lievito per dolci
  • q.b. scorza di limone grattugiata
  • 1 cucchiaio polvere di acai o colorante in gel

Per il ripieno

  • 2 uova + 1 tuorlo
  • 350 ml latte di mandorle
  • 130 g riso originario
  • 130 g ricotta
  • 100 g zucchero semolato
  • q.b. canditi misti
  • q.b. buccia di limone
  • 1 cucchiaio acqua di fiori di arancio

Istruzioni
 

  • Come prima operazione prepara la frolla. In una ciotola mescola lo zucchero con il burro e impasta velocemente con le mani. Aggiungi poi le uova, la buccia grattugiata di limone e in ultimo la farina setacciata insieme al lievito. Forma un panetto che andrà fatto riposare in frigorifero per almeno un paio di ore, meglio sarebbe tutta la notte.
    In un quinto di impasto andrai a impastare velocemente la polvere di acai per modificare il colore.
  • Prepara ora il ripieno.
    Metti il riso in una pentola dal fondo spesso e unisci prima il latte di mandorle e dopo lo zucchero. Amalgama bene e fai cuocere anche qualche minuto oltre la cottura indicata sulla confezione per renderlo ancora più cremoso.
    Fai raffreddare leggermente e una volta che il riso si sarà intiepidito versa tutto in una ciotola e aggiungi la ricotta. Amalgama bene il composto e aggiungi anche la buccia di un limone grattugiato. Continua aggiungendo le uova e il tuorlo e dopo aver amalgamato anche i canditi e l'acqua di fiori di arancio. Amalgama bene tutto.
  • Stendi la frolla su un piano infarinato, rivesti la teglia della crostata e riempila con il ripieno di riso e aromi.
    Stendi i ritagli e crea 7 strisce che andrai a posizionare in modo da formare le tipiche losanghe.
    Stendi anche il panetto colorato e crea dei fiorellini con l'apposito stampo e posizionali sulla griglia.
    Cuoci sul ripiano centrale del forno statico già caldo a 180° per circa 30 minuti.
    Se vuoi puoi spolverizzare con lo zucchero a velo una volta che la crostata si è raffreddata.

Presentazione e conservazione della pastiera di riso

Per la conservazione, è consigliabile tenere la pastiera in frigorifero o in un luogo fresco e consumarla entro 3-4 giorni per evitare che il ripieno a base di ricotta si inumidisca. In alternativa, è possibile cuocere e congelare la pastiera per poi scongelarla e riscaldarla al momento del consumo.

Per la presentazione, se la decorazione con i fiori è già abbastanza ricca, è possibile semplicemente spolverare la pastiera con un po’ di zucchero a velo per un tocco finale di dolcezza.

Seguendo questi consigli e questa ricetta, potrete deliziare amici e familiari con una versione alternativa a quella della tradizione, arricchita dal gusto del riso e dalla creatività nella presentazione.

Puoi trovare una ricetta alternativa per questo dolce realizzando la crostata morbida di Pasqua!
Buon appetito e buona Pasqua!
Maria

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




About me

pinguina foto profilo

Mi chiamo Maria, tarantina di origine, romana di adozione. 

Moglie, mamma, psicoterapeuta e foodblogger. Vi do il benvenuto nella mia cucina virtuale, dove convivono emozioni e mani sporche di farina, ingredienti che parlano di ricette realizzate con il cuore
Qui troverete ricette belle da vedere ma semplici da realizzare, ma anche tanti spunti per le mamme che vogliono mettere le mani in pasta con i propri piccoli.

Seguimi anche sui social:

Iscriviti alla Newsletter

per non perderti nessuna novità!

Articoli recenti

About me

pinguina foto profilo

Mi chiamo Maria, tarantina di origine, romana di adozione. Moglie, mamma, lavoratrice e foodblogger, questo è il mio spazio personale dove esprimo il mio amore per la fotografia

Iscriviti alla Newsletter

per non perderti nessuna novità!